sabato 25 marzo 2017

NUOVO PROGETTO PRIMAVERILE

Tra i tanti (troppi) progetti che mi frullano puntualmente in testa, da tempo immemore tra questi, c'è sempre stato quello di imparare a fare la maglia alla maniera continentale o alla tedesca, tenendo cioè il filo a sinistra e non a destra (come mi è stato insegnato da una mia zia quando avevo nove anni) e usando i ferri circolari. Che dire? Non è facile perché bisogna riabituare le mani e soprattutto il cervello a fare dei movimenti con i ferri e il filo che non risultano naturali, cosi', alla prima difficoltà, riprendo subito in mano i ferri e alimento il filo con la mano destra.... sono settimane difficili perché mi tocca scucire, ritornare sui miei passi, guardare i filmati in You tube (utilissimi quelli di Valentina Cosciani ed Emma Fassio) ci sono serate in cui mi vien voglia di buttar via tutto, giuro, ma poi mi faccio forza e desisto.

Pro: 
  1. devo assolutamente imparare se voglio farmi una maglia un po' diversa da quelle che comunemente si trovano in negozi e bancarelle, amo farmi le cose da sola, secondo il mio gusto;
  2. essendo stata operata alla spalla destra non riesco più a usare i normali ferri da maglia, quindi, devo insistere e resistere;
  3. si va più veloci, eh si! Superato il primo scoglio di fare un campione e decidere le maglie da metter su e lo sviluppo del maglione, una volta iniziato si gira sempre in tondo, una vera pacchia quando abbiamo a che fare con le trecce per non parlare degli inserti di colore, no, veramente, non c'è storia, si lavora sempre sul dritto!
  4. lavorando solo con le mani puoi decidere di lavorare in auto, autobus e treni, sul divano di casa, senza avere l'ingombro che invece si ha lavorando con i ferri sotto il braccio;
  5. adoro, si, si, adoro le maniche raglan e con i ferri circolari vengono semplicemente perfette e che dire degli scolli circolari? Perfetti, belli, diversi;
  6. una volta finito ci si scorda di cucire tutti i pezzi insieme;
  7. mentre si lavora si puo' provare il maglione prima di finirlo, vantaggio non trascurabile.
Contro:
  1. le mani a volte non ubbidiscono, se si è lavorato per anni, lustri e decenni con i ferri lunghi e filo a destra vi assicuro che non è facile, ma ce la si può fare;
  2. la tensione con i ferri circolari non è la stessa che usando i ferri lunghi;


Bene, dopo queste riflessioni condivise, siccome i pro sono più dei contro procedo nei miei esperimenti, tra qualche mese (spero, mi auguro e prego) vi mostrero' i risultati. 

Con questo auguro a tutte un buon week end!

Anna Maria 

domenica 19 marzo 2017

19 marzo - FESTA DEL PAPA'

Buona serata a tutte, finalmente ho finito il gilet per mio padre, è venuto bene se non fosse per quella treccina a sinistra.... mannaggia! Ovviamente me ne sono accorta quando ormai era montato e rifinito, cose che capitano a lavorar nottetempo. Amen.



 il gioco di trecce me lo sono inventato li' per li', volevo qualcosa di diverso e pensa che ti ripensa, guarda su pinteres e istagram, alla fine sono approdata a questo intreccio insolito e personalissimo.
Oggi è una giornata speciale per tutti i papa', anche se non bisogna aspettare una festa per ricordarsi di loro, giusto?
A presto.

Anna Maria 

mercoledì 15 marzo 2017

WOOLLISA - LETTERA APERTA





Oggi vorrei parlarvi di un episodio che mi ha lasciato senza parole.
A Magia tra fili e ricami, nel settembre dello scorso anno, ho conosciuto Lisa, beh, conosciuto è forse una parola grossa, diciamo che tramite l’organizzazione sapevo che avrebbe partecipato anche la signora in questione  e,  siccome sono fortemente interessata alla colorazione manuale di tessuti e lana, ho visto, tramite il suo sito e face book,  che lei  aveva le lane tinte nel modo che a me interessavano.
L’ho contattata prima della manifestazione per chiederle se, gentilmente, era disponibile a tingermi della lana/alpaca bianca che avevo in casa e lei si è offerta di farlo, senza problemi.

Riporto le conversazioni avute con i messaggi via Facebook,

14/08/2016 
Lisa, buongiorno e buon ferragosto. Qualche giorno fa le ho chiesto la sua mail, ma poi ho scoperto la possibilità di scriverle un messaggio. MI chiamo Anna Maria e come lei sarò espositrice a Verona, a fine settembre, le vorrei chiedere se c'è la possibilità che mi tinga della lana bianca che ho in casa. Mi servirebbe tinta con le sfumature del verde/viola che lei fa. Le lascio la mia mail thesewterapy@gmail.com. Grazie

WOOLISA - Buon Ferragosto Anna,sarò felice di tingere la tua lana,si tratta di pura lana?Volendo puoi spedirla e te la faccio avere quando ci incontriamo
14/08/2016
Grazie Lisa, sei gentile ad avermi risposto. Si, è pura lana, la porto a Verona, poi me la spedirai tu o verro' a prenderla io, in fondo non abitiamo lontanissime. Spedisco mal volentieri, sono "sparite" buste, pure raccomandate.... preferirei non dover ripetere l'esperienza. Grazie ancora e complimenti, fai delle sfumature splendide, sei molto brava e si vede che fai le cose con passione.
Ci vediamo a Verona allora, sarò felice di conoscerti di persona. Buon ferragosto.
WOOLLISA - Grazie Anna ,a presto
Ci vediamo a Verona allora, sarò felice di conoscerti di persona. Buon ferragosto.
WOOLLISA - Grazie Anna ,a presto
  

A Verona le consegno la lana, ci conosciamo di persona, le lascio ancora i miei recapiti, incluso il cellulare. Faccio un post sulla mostra e le dedico anche un elogio per le sue splendide lane 



27/09/2016
Ciao Lisa, ho pubblicato sul mio blog e ho parlato di te e delle tue lane. A presto, buona serata. Anna Maria
WOOLLISA - Grazie Anna ,veramente un bellissimo post,lo condivido domani
28/09/2016
Grazie Lisa! Buon lavoro.
Passano i mesi, e nel frattempo ho modo di comprare altra lana bianca che ho intenzione di fare tingere a Lisa, la contatto verso la fine di Ottobre per anticiparle questa mia intenzione. 

26/10/2016 
Lisa buongiorno, non voglio metterti fretta ma volevo chiederti a che punto sei con la tintura della mia lana, ne ho comprato altro mezzo chilo bianca che vorrei tu mi tingessi... se ce la fai prima di natale verrei a ritirare quella tinta e a lasciarti quella da tingere. Cosa ne pensi? Grazie, buona giornata. Anna Maria
WOOLLISA - Ciao Anna, mi scuso ,per l'attesa,penso di riuscire a terminarlo entro questa settimana,purtroppo gli ordini " su misura "richiedono troppo tempo e non riesco più ad inserirli nella routine di lavoro

28/10/2016
Grazie Lisa, non devi scusarti, mi spiace di questa tua decisione,,, sinceramente speravo che tu riuscissi a tingermi anche quella che ho comprato. Se ti lascio carta bianca sul colore , così la inserisci nella tua normale catena di produzione, forse ti creo meno problemi, cosa ne pensi?

A questa mia proposta di semplificazione, per venire incontro alle sue difficoltà, non ottengo risposta, il vuoto pneumatico.
Passano i mesi, arriva Natale, passa il Natale e lunedì  decido di mandarle un altro messaggio per capire a che punto siamo con la colorazione della lana, ma ecco la conversazione
  
13/3/2017
buongiorno Lisa, sono sei mesi che le ho lasciato della lana da tingere. Ora la mia magliaia inizia a chiedermela per confezionare la giacca per la primavera. Cosa le devo rispondere?
La ringrazio. Anna Maria

WOOLLISA - Gentilissima Anna Maria mi scuso per questo, lo sviluppo della lavoro in direzione diversa della precedente includendo anche un trasloco,non mi ha fatto ritagliare il tempo per fare tintura su misura, non avrei dovuto prendere in carico il lavoro,le rimando a mio spese la lana non tinta se gentilmente mi fornisce un indirizzo,desolata,Lisa.
Bene, sperando che le poste italiane non perdano la lana, le faccio presente che poteva anticiparmi prima che erano sorti problemi, li avrei capiti.
comunque, in ogni caso il mio indirizzo è questo.........................................
Conto sul fatto che me la spedisca il prima possibile. La ringrazio.
  


Allora, cosa dire? Sono senza parole. 

Cara Lisa, mi sembrava di aver capito che ormai l’italiano lo parli benissimo, ne ho la certezza sia parlando con te che scrivendoti, ma, dal tuo ultimo post sembra quasi esserci stata un’involuzione, strano… ti ho anche proposto di venirti incontro sul tipo di tintura, lasciandoti carta bianca e non mi hai mai risposto. Perche'?

Lisa,  tutti noi possiamo avere degli inconvenienti ma, quando si prende un impegno e questi inconvenienti sopraggiungono, è opportuno, se non necessario, informarne il cliente, non far finta di niente nella speranza che il cliente stesso si dimentichi…. Mi dici che hai avuto un trasloco, me ne compiaccio con te ma mi sembra, da tutti i tuoi post su facebook che questo non ti abbia impedito di partecipare a workshop a Torino e Trento e a Formigine, per non parlare della quantità di lana tinta di cui parli nei tuoi post. Mi domando ancora perché non mi hai scritto una semplice mail per informandomi che eri molto presa e non ce la facevi a portare a termine il tuo impegno.

Se non mi fossi fatta viva io quando pensi che mi avresti informato della mancata tintura?

Nel tuo lavoro sei brava, le tue lane sono splendide, ma credo tu debba porre maggior attenzione al custumer service (come si dice nel tuo Paese di origine, giusto?).

Sono dispiaciuta  perché quella lana mi serviva per un progetto a cui tenevo molto, in bocca al lupo cara, senza rancore.

Anna Maria


15 marzo 2017 

Woollisa Lisa Russo Mi sembra di rancore lei ne abbia molto,mi spiace per lei.
Anna Maria Cara, evidentemente fai proprio fatica a capire. Il mio non è rancore, è solo dispiacere per una persona che, nonostante tutti i mezzi a disposizione, non è capace di dialogare. O quantomeno, non con tutti. Sono io che sono dispiaciuta, per te. FAi tesoro di questa nostra esperienza, ti servira' per il futuro. Ti auguro ogni bene.





martedì 14 marzo 2017

CUORE PER VIRGINIA

Buona sera a tutte, come vi avevo anticipato domenica ho finito il cuore per una bimba che è arrivata a tenerci compagnia qualche settimana fa. Benvenuta tra noi, piccolina!

Per tracciare il nome ho usato sempre il solito metodo, vedi mio tutorial, usando sempre la mitica penna Frixion a punta 0,5. Una volta ricamato e passando il ferro caldo sul rovescio scompare.
A tal proposito vorrei ricordare che, nel caso il vostro ricamo finisse in un freezer (si, avete capito bene) la scritta ricomparirebbe. Ora, onestamente, quali sono le probabilità tra 1:100 che il vostro ricamo finisca in un freezer?
Eccolo finito e stirato. Se vi viene voglia di replicare il cuore trovate qui il tutorial


A  presto!

Anna Maria 

domenica 12 marzo 2017

GIACCHINO PRIMAVERILE - BURDA MAR 2013 MOD. 139

Buon giorno e buona domenica carissime, in questi giorni sono stata un po' assente dal web, sono stata assorbita (come spesso capita a tutte noi) da altre incombenze, lavorative e domestiche. 
La primavera sembra già essere arrivata, in questi giorni le temperature sono primaverili ed è tutto uno sbocciare e fiorire; mi ha sempre colpito la velocità con cui compare il verde nuovo sugli alberi e nei prati, una gioia per gli occhi e lo spirito.
Dopo questa bucolica introduzione veniamo ai fatti, vi mostro cosa ho fatto in queste settimane, un po' alla volta, lavorandoci quando possibile. Una giacchina primaverile, da mettere giusto in questi giorni, dopo il piumino e prima delle giacche più leggere.

HO usato una lana cotta grigio ferro, un acquisto di molti anni fa in montagna, e, siccome non mi bastava per il progetto scelto, ho aggiunto un'altra lana cotta fantasia, questa comprata alla Diffusione Tessile, l'abbinamento non mi dispiace, voi cosa ne pensate?

ho scelto il modello 139 di Burda Mar 2013, anche questo confezionato con lana cotta, ho eliminato il cappuccio (non avevo sufficiente stoffa) e ho ridotto i risvolti sulle maniche. Le cuciture ho deciso di farle al vivo, rovescio contro rovescio, questo perché essendo due tessuti robusti, sostenuti e che non sfilacciano, si prestano a questa cucitura. Inoltre ho fatto questa scelta anche per una questione puramente estetica, non essendo propriamente quel che si dice una silfide, evita i rigonfiamenti sui fianchi dovute a cuciture con tessuti di spessore.
ho scelto questo modello perché si presta a essere modificato, infatti ho tolto, dalla cucitura dietro, 1,5 cm dallo scollo a meta' dorso per dargli maggior vestibilità, ho accorciato le maniche di 5 cm sulla lunghezza e ho accorciato i risvolti adattandoli alla manica, le tasche le ho cucite internamente senza ribatterle sul davanti, compre previsto dal modello originale.






scollatura rigorosamente rotonda,senza colli, con paramontura in lana cotta fantasia ribattuta 

le maniche invece le ho cucite normalmente, mi piacevano di più cosi' ma nulla vieta di cucire al vivo anche queste. Questione di gusti...

i fianchi, i risvolti e l'interno delle tasche sono stati fatti usato la lana cotta in fantasia. Per chi ancora non lo sapesse ho una vera passione per il giallo, potevo non comprare una stoffa cosi'?


E con questo chiudo, scappo a finire un nuovo cuore per una bimba nata due settimane fa. Grazie mille per le vostre visite e i vostri commenti, a presto, buon inizio di settimana!
Anna Maria 

venerdì 10 marzo 2017

Tutti gli uomini (e le donne) sanno dare consigli e conforto al dolore che non provano.

All men (and women) know how to give advice and comfort to the pain that do not prove.

William Shakespeare - Molto rumore per nulla



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...